idrogeologia

informazioni generali


codice del corso
17354

anno di erogazione del corso
terzo anno del corso di laurea in scienze geologiche

numero di crediti formativi
sei

descrizione del corso
Il corso fornisce le conoscenze di base dell’idrogeologia, partendo dalle tipologie di acque nel sottosuolo fino a giungere all’analisi delle principali tecniche di captazione delle acque sotterranee. In particolare saranno delineati i seguenti aspetti: 1) bilancio idrologico e fattori che lo influenzano; 2) principali equazioni del flusso idrico sotterraneo; 3) principali tecniche di prospezione idrogeologica; 4) classificazione delle sorgenti e studio del loro regime; 5) modelli fisici relativi alle principali tipologie di acquifero e loro caratterizzazione qualitativa; 6) studio delle diverse opere di captazione, alla sorgente ed in acquifero.
Queste competenze tecniche sono fondamentali per la figura professionale del Geologo Applicato

obiettivi del corso
Al termine del corso lo studente avrà acquisito le conoscenze idrogeologiche di base necessarie per affrontare lo studio idrogeologico dei più importanti acquiferi permeabili per porosità, per fratturazione/fessurazione e per carsismo. Sarà in grado di comprendere le diverse modalità di emergenza delle sorgenti e di individuare, alla luce del modello fisico di base, le migliori modalità di captazione delle acque sotterranee, in termini di efficienza, completezza, razionalità e sicurezza. Lo studente sarà anche in grado di utilizzare il linguaggio tecnico-scientifico e di produrre una relazione idrogeologica di base nella quale sono sintetizzati i principali dati idrogeologici acquisiti in campo ed il loro significato

metodi didattici
Il corso si articola in lezioni teoriche frontali ed in esercitazioni singole e di gruppo. Inoltre, n.2 escursioni saranno effettuate in aree di interesse idrogeologico anche avvalendosi della disponibilità dei più importanti enti acquedottistici operanti in Campania.
Saranno anche proiettati filmati e video di interesse per la disciplina.
L’insieme delle attività didattiche svolte consentirà di avere un quadro delle principali problematiche idrogeologiche, con cognizione dei principali metodi di studio e di analisi nel settore.


la valutazione
Durante il corso sono effettuate tre prove intercorso, basate su esercizi e test su argomenti via via svolti; ciò consente di controllare il grado di apprendimento degli studenti sui vari temi e di adattare al meglio il prosieguo del corso.
Ogni prova intercorso sarà strutturata in 3 quesiti (due esercizi ed una domanda a risposta aperta).
Le prove intercorso saranno valutate e considerate prove d’esame e, quindi, utili per la valutazione dello studente.
Ad ogni quesito della prova intercorso sarà assegnato un punteggio variabile da 6 a 10.
Ai quesiti svolti in modo errato sarà assegnato un punteggio pari a zero.
La media delle tre prove costituirà la votazione finale di base per ciascun candidato.
Tale votazione finale potrà essere migliorata svolgendo l’esame orale che verterà su tutti gli argomenti trattati durante il corso. La valutazione dell’orale terrà conto della pertinenza dei contenuti rispetto alle domande formulate (massimo 6 punti), della qualità dei contenuti (massimo 6 punti), della capacità di collegamento con gli altri argomenti del programma (massimo 6 punti), della capacità di calarsi in situazioni idrogeologiche reali (massimo 6 punti), della proprietà di linguaggio tecnico (massimo 6 punti).

▲ top page
Libera Esposito
Professore Associato
Settore Scientifico Disciplinare: Geologia Applicata



> Università degli Studi del Sannio

> Dipartimento scienze e tecnologie

> Web Unisannio